mercoledì 17 dicembre 2008

Re: Il formatore nell'anima

Prendendo spunto dal blog della amica michela volevo dire la mia riguardo l'effetto che il formatore lascia ai suoi corsisti. Essere un buon formatore, come dice giustamente michela, richiede anni d'esperienza. Ho trovato queste parole significative su un sito di formazione e consulenza, spero siate daccordo con esse: "Formare è proprio un'arte e come tale richiede la padronanza di tecniche e metodi didattici che siano al tempo stesso rigorosi, innovativi e coinvolgenti. Fare il formatore non è un mestiere facile! Se non si vuole correre il rischio di rientrare nelle statistiche di una formazione spesso percepita come “una perdita di tempo” è indispensabile utilizzare metodi per lavorare sugli aspetti chiave del processo formativo. Per fare bene il formatore non basta essere un bravo manager, un bravo venditore o un bravo professionista, come non basta saper parlare in pubblico o una buona leadership, occorre un mix di competenze fra cui la capacità di lavorare con gli altri, ma prima di tutto la capacità di lavorare “per gli altri” lasciando per un momento da parte il desiderio di protagonismo." (www.cofimp.it)

1 commento:

stefy87 ha detto...

ciao!sono assolutamente d'accordo con quello che scrivi in questo post, del quale mi piace molto anche il titolo, dal momento che, se formatori si può diventare, grazie alla laurea, per "essere"formatori serve molto di più, quasi fosse una vocazione. La nostra figura professionale è così ibrida a spazia in campi talmente vari che, se non siamo per primi noi convinti di quale sia l'azione che vogliamo compiere, di sicuro non saremo competenti agli ochhi degli altri!
Il cuoree e l'anima sono necessari, assieme ovviamente alle compertenze tecniche, per poter trattare temi molto personale che sicuramente ci capiteranno nella nostra vita professionale, entrare nelle dinemiche delle persone che si metttono in gioco:in un gioco nel quale noi li facciamo entrare e dal quale cautamente noi dobbiamo farli uscire, richiede sicuramente un'ANIMA ED UN TATTO prezioso e particolare che sicuramente può arrivare dall'esperienza, ma che ognuno deve già sentire dentro di sè, per poterlo coltivare...